Cambiamenti climatici, terra e povertà

C’è un legame profondo tra il clima impazzito, il possesso e l’utilizzo della terra e la povertà nel Regno di Eswatini. Questo articolo lo spiega.

Siamo senza dubbio di fronte a un’emergenza, il cambiamento climatico. Il vincitore del premio Nobel per l’economia del 2018, William Nordhaus, ha descritto il cambiamento climatico come un “Colosso che minaccia il nostro mondo” e una “sfida finale per l’economia”. Nella sua analisi, Nordhaus sottolinea che la crisi climatica è strettamente legata ai modelli di consumo dei ricchi e che i paesi ricchi sono principalmente responsabili delle emissioni storiche di gas serra (GHG). Ciò rende le discussioni sull’emergenza ai cambiamenti climatici in gran parte un problema di economia. Da qui, i negoziati sui cambiamenti climatici, a volte polarizzanti, che pongono il Nord e il Sud, i poveri (in via di sviluppo) contro i paesi ricchi (sviluppati). Sebbene queste differenze si stiano lentamente restringendo, la vulnerabilità dei cambiamenti climatici è in gran parte una questione di povertà o di mancanza di mezzi di sussistenza. Le Nazioni Unite hanno recentemente affermato che le risorse terrestri e idriche del mondo vengono oggi sfruttate a “tassi senza precedenti” e questo, combinato con i cambiamenti climatici, sta esercitando una terribile pressione sulla capacità dell’umanità di nutrirsi. La crisi del cambiamento climatico sta quindi creando sfide senza precedenti per milioni di persone già gravate dalla povertà e da altri mali socio-politici. L’Africa, è uno dei continenti che è spesso considerato in prima linea nella crisi, dove la lotta per guadagnarsi da vivere, nutrire le famiglie e creare reti di sicurezza è sempre più difficile. Il regno di Eswatini (precedentemente Swaziland), situato nell’Africa meridionale, non fa eccezione. Negli ultimi anni, il paese con una popolazione di 1,1 milioni di persone ha registrato una maggiore frequenza e intensità di eventi meteorologici estremi come forti tempeste, incendi e siccità che minacciano l’approvvigionamento alimentare del paese e mettono a rischio il benessere e il sostentamento dei poveri delle zone rurali. 

 

LE CONSEGUENZE DEL NIÑO 

Una valutazione di vulnerabilità condotta nell’ambito della recente comunicazione nazionale indicava che nel periodo 1961-2010 le temperature minime sono aumentate più rapidamente rispetto alle temperature massime. Gli anni ’90 e 2000 sono stati molto più caldi rispetto agli anni ’70 e ’80. Le tendenze delle precipitazioni indicano un calo del numero di giorni di pioggia e l’aumento della durata dei periodi di siccità. Fenomeno principalmente legato all’incidenza di El Niño che negli ultimi sei anni ha notevolmente peggiorato lo stress idrico della regione. Cosa che dimostra che il cambiamento climatico non è né una minaccia lontana né immaginaria per Eswatini, ma piuttosto una realtà crescente e inconfutabile. 

È importante, tuttavia, notare che l’esposizione della popolazione ai cambiamenti climatici e alla variabilità è anche geograficamente diversa, come determinato dalla variazione altitudinale del paese. Nonostante sia un paese relativamente piccolo (17.265 km2), Eswatini ha una variabilità geografica forte e diversificazioni climatiche notevoli da zona a zona. 

 

POVERTÀ, AGRICOLTURA E CAMBIAMENTI CLIMATICI 

“Dove si trovano dunque i poveri del paese in relazione ai cambiamenti climatici?”. Sebbene non vi siano attuali mappe della povertà, l’analisi dei dati tratti dall’indagine sulle entrate e le spese delle famiglie dello Swaziland del 2009/10 dice chiaramente che si trovano nelle zone rurali: qui infatti il censimento ci dice che la povertà supera il 50% delle famiglie, solo le aree urbane, in particolare il corridoio Mbabane-Ezulwini, hanno valori inferiori al 25%. 

Secondo l’indagine Eswatini sul reddito e le spese delle famiglie (Shies) 2016/17, il 42,1% delle famiglie del paese è da moderatamente a estremamente povero, mentre il 57,9% non è povero. Queste cifre si basavano su una soglia di povertà assoluta determinata dai costi di un paniere di alimenti di base e articoli non alimentari (975,30 Emalangeni, circa 60 euro a persona al mese). L’estrema soglia di povertà, d’altra parte, si basa esclusivamente sui costi di un paniere alimentare che soddisfa i requisiti minimi di calorie alimentari senza prevedere necessità non alimentari (463,40 Emalangeni, circa 28 euro per persona al mese). 

È qui che la distinzione tra povertà moderata (famiglie assolutamente povere ma non estremamente povere) e povertà estrema diventa importante. Le persone che vivono in famiglie estremamente povere soffrono di grave fame durante la maggior parte dell’anno, diventano fisicamente deboli, tendono a vendere o consumare i loro beni produttivi (ad esempio bestiame, strumenti, sementi), rinunciano a investire nel loro futuro (come mandare i bambini a scuola) e muoiono per malattie prevenibili/curabili come la malaria. Per questi motivi, le persone estremamente povere sono generalmente lente nel rispondere a programmi che richiedono un certo sforzo e contributo (come i programmi di credito e di risparmio), continuando così il ciclo della povertà. 

Si stima che sul 12,5% delle famiglie del paese che soffrono di estrema povertà a Eswatini, circa 15.446, sono poveri a causa di fattori congiunturali. La povertà congiunturale è causata dalla disoccupazione o dalla sottoccupazione e coinvolge famiglie con adulti sani che non hanno alcuna forma di reddito. Tali famiglie sono in grado di sfuggire alla trappola della povertà solo se hanno accesso all’istruzione, all’occupazione, alla formazione delle competenze o ai beni produttivi. Si dice che l’estrema povertà delle restanti 19.903 famiglie sia strutturale, vale a dire che è correlata alla struttura della famiglia come avere pochi o nessun membro della famiglia adulto abile e quindi e quindi alla limitata capacità di lavoro. Ciò può essere dovuto a ragioni come l’Hiv / Aids o altre ragioni che provocano la morte delle persone in età da lavoro che lasciano nonni troppo vecchi per lavorare e orfani troppo giovani. Le famiglie con restrizioni del lavoro non possono partecipare a progetti o programmi orientati all’auto-aiuto o basati sul lavoro. Altre famiglie che appartengono a questa categoria includono madri single con un gran numero di bambini e famiglie il cui capo famiglia è disabile. In un paese in cui oltre il 70% della popolazione fa affidamento sull’agricoltura sia per il reddito che per i mezzi di sussistenza, i livelli di povertà e le loro dimensioni geografiche rappresentano molto più che semplici numeri quando si presentano i cambiamenti climatici. Questa terribile situazione è ulteriormente aggravata dal fatto che oltre il 75% dei piccoli agricoltori (tipicamente rurali) fa affidamento sull’agricoltura alimentata dalla pioggia per il proprio sostentamento. La crescente esposizione alla siccità ha comportato la perdita della produttività delle colture e del bestiame, complicando ulteriormente l’equazione tra cambiamenti climatici e insicurezza alimentare. 

La siccità del 2015-2016 di El Niño ha evidenziato gli impatti sociali attuali e futuri dei cambiamenti climatici sull’agricoltura nel paese. Questa siccità si è rivelata la peggiore siccità che il paese ha vissuto dall’episodio del 1992 ed è costato al paese 3.843 miliardi di Emalangeni (almeno circa 200 miliardi di euro) totali, che rappresentavano un 7,01% del prodotto interno lordo (PIL) di Eswatini nel 2016 o 18,58 % della spesa pubblica. Sia la produzione di bestiame che quella di sussistenza sono diminuite considerevolmente (30% in media) nell’ultimo decennio in gran parte attribuito agli aumenti di temperatura, alle piogge al di sotto del normale e alle siccità ricorrenti. L’agricoltura di sussistenza è dominata dal mais, il raccolto base per Eswatini, che è altamente sensibile alla variabilità climatica. Pertanto, la maggioranza della popolazione fa affidamento sul pasto a base di mais come fonte di cibo di base. La siccità del 2015/16 ha provocato aumenti dei prezzi delle farine di mais che hanno ulteriormente limitato l’accesso dei poveri a quella risorsa alimentare di base. Ciò esemplifica gli impatti dei cambiamenti climatici sulla sicurezza alimentare. Considerando che negli ultimi tre decenni si sono verificate siccità nel 2009/10, 2007, 2001 e 1992, l’intervallo tra le siccità successive si sta chiaramente riducendo. Poiché è probabile che tali tendenze persistano in futuro, ci si può solo chiedere cosa significhi per i poveri del paese che non hanno i mezzi per proteggersi da tali shock climatici. Inoltre, non è una coincidenza che gli effetti della siccità colpiscano i poveri considerando l’eredità coloniale del possesso della terra. Molti studiosi hanno esaminato e discusso la questione dei diritti di possesso della terra e il loro collegamento con l’evoluzione delle politiche coloniali del 1900 e il precedente arrivo di coloni europei in cui gli Swazi indigeni erano privati della loro terra principale e produttiva solo per essere relegati a terre marginali con terreni poveri e basso potenziale di pascolo. 

Al tempo del primo insediamento europeo in Swaziland, la maggior parte degli Emaswati (Swazi) erano concentrati nella zona di Middleveld e Lebombo, territori caratterizzati da terreni buoni, temperature moderate, affidabilità delle piogge e pascoli adeguati. 

Il colonialismo ha gradualmente spostato le persone verso Highveld e Lowveld a causa della carenza di terre dovuta all’aumento sia della popolazione umana che di quella bovina. Dopo la seconda guerra mondiale, il movimento nel Lowveld fu seguito rapidamente dallo sviluppo di progetti di irrigazione su larga scala (in particolare della canna da zucchero) nell’area. L’ubicazione dei progetti di irrigazione nel Lowveld è un’arma a doppio taglio, considerando che ad oggi l’irrigazione consuma oltre il 95% delle risorse idriche superficiali nel paese e oltre il 90% dell’acqua distribuita viene utilizzata per coltivare la canna da zucchero. Solo il 5% di questa risorsa limitata è lasciato in uso al resto della popolazione, la maggior parte dei quali è povera. Fiumi e sorgenti aperte sono ancora fonti comuni di acqua potabile per alcune comunità rurali. La sproporzione nella distribuzione di una risorsa così sensibile al clima indica anche la necessità di considerare il tema dell’accesso alle risorse alla luce dei cambiamenti climatici. Altrimenti, è probabile che i cambiamenti climatici peggiorino persino il divario di produttività agricola influenzato dalla posizione e dall’accesso all’acqua. Ciò implica naturalmente che il settore agricolo commerciale deve compiere grandi passi per ridurre il consumo di acqua per l’irrigazione, la maggior parte dei quali è attribuita a metodi di produzione agricola dispendiosi come l’irrigazione a pioggia inefficiente. Ciò non solo contribuirà all’adattamento ai cambiamenti climatici, ma potrebbe contribuire in modo significativo all’eliminazione della povertà. Non è una coincidenza, quindi, che i poveri siano situati prevalentemente in terre marginali rurali che sono anche vulnerabili ai cambiamenti climatici. Povertà e possesso della terra sono al centro della vulnerabilità umana ai cambiamenti climatici in Eswatini. 

 

CONCLUSIONI 

Questo articolo ha tentato di delineare la complessa relazione tra cambiamento climatico, povertà e terra a Eswatini. Mentre i rapporti ufficiali indicano che la percentuale della popolazione di Eswatini definita povera sta diminuendo, la povertà rimane una sfida chiave per il raggiungimento dello sviluppo sostenibile nel paese. Al centro del problema della povertà sono i cambiamenti climatici e il possesso della terra. Le variazioni biofisiche nel paesaggio del paese modellano la distribuzione sia dell’uomo che del clima. I poveri del paese, che si trovano prevalentemente in terre marginali e dipendono dagli ecosistemi naturali per il loro sostentamento, sono in gran parte vulnerabili agli impatti dei cambiamenti climatici. In netto contrasto, queste aree sono relativamente ricche di biodiversità e sono una fonte di sostentamento per i poveri delle 

zone rurali. Non sorprende che le persone in condizioni di povertà tendano a vivere in aree più sensibili ai cambiamenti climatici, abbiano una base patrimoniale meno resistente agli shock climatici, perdano relativamente di più quando colpiti da fenomeni estremi legati al clima, abbiano meno risorse per mitigare gli effetti e ricevano un sostegno minore dalle reti di sicurezza sociale o dal sistema finanziario per prevenire o recuperare da tali impatti. Tutto questo si traduce in malattie, fallimento delle colture, picchi dei prezzi dei prodotti alimentari, disabilità o persino morte.Senza un’azione immediata, compresa l’attuazione di misure di adattamento solide e sensibili alla povertà, i cambiamenti climatici potrebbero spingere nella povertà centinaia di migliaia di Emaswati nel prossimo futuro e ancora di più negli anni successivi. Gli impatti distributivi del cambiamento climatico dipenderanno da vari fattori come la qualità della capacità di governo, l’ascolto della voce dei poveri, l’accesso e i prezzi dell’energia, l’accesso alla terra. Le politiche in materia di cambiamenti climatici devono essere di beneficio ai poveri e accompagnate da misure di protezione sociale.

LE CONVENZIONI INTERNAZIONALI

Nel marzo del 1995, il Regno di Eswatini ha firmato la Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (UNFCCC), seguita dall’adozione del protocollo di Kyoto nel 1997. Questi sono stati i primi sforzi del paese per affrontare le emissioni di gas a effetto serra. Con la National Climate Change Policy (2016) sono state definite le priorità per rispondere ai cambiamenti climatici coerenti con il Piano di sviluppo nazionale.

Sebbene i risultati di tutti gli inventari delle emissioni di gas a effetto serra non sono sempre direttamente comparabili e rivelano molte incertezze riguardo alle emissioni totali, il più recente (2016) di questi ha rivelato che il paese assorbe più di quanto emette. 

Dalle analisi condotte, è emerso che le principali fonti di emissioni sono le attività industriali, l’agricoltura (principalmente i bovini), l’energia (principalmente i combustibili fossili) e lo smaltimento dei rifiuti. In attesa dei risultati di un inventario più dettagliato (previsto per la metà del 2020), queste cifre forniscono un indicatore sia delle opzioni di mitigazione che di adattamento

 di Wisdom M.D. Dlamini*

*Tratto dall’articolo “Cambiamenti climatici, terra e povertà in Eswatini: un complesso nodo geografico” Dipartimento di Geografia e Scienze ambientali dell’Università di Eswatini.

 

Leggi tutti gli articoli di questo numero

Cambiamenti climatici, terra e povertà
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su google
Google+
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest