I media italiani si accorgono del clima

L’ultimo report di “Eco-media” dà un segnale positivo ma l’informazione è lontana dal colmare il divario tra dati reali e percezione dei cambiamenti climatici.

Nonostante la crisi climatica sia in corso sotto ai nostri occhi, il riscaldamento globale nella percezione pubblica è ancora in larga parte considerato un problema esotico, lontano nello spazio e nel tempo. Si tratta di un enorme errore di valutazione che inibisce la nostra capacità di reazione, e che è largamente influenzato dalla rappresentazione mediatica del problema. Secondo l’Istituto per gli studi di politica internazionale i cambiamenti climatici sono percepiti dagli italiani come la prima minaccia globale da affrontare, ma solo il 7% degli intervistati crede che rappresentino un pericolo altrettanto grave per il nostro paese. Eppure nel 2018 l’aumento della temperatura media rispetto al periodo 1961-1990 è stato di 0,98°C a livello globale e di 1,71°C in Italia. Questo significa che per l’Italia il 2018 è stato l’anno più caldo da 219 anni: l’aumento della temperatura rispetto al periodo 1880-1909 arriva a circa +2,5°C, più del doppio del valore medio globale.

Ridurre questa enorme distanza tra i dati scientifici e la loro percezione passa inevitabilmente da una presa di coscienza nel mondo della comunicazione, che finora ha affrontato in modo troppo superficiale quella che a conti fatti è oggi la sfida principale da affrontare per il genere umano. Una sfida che finalmente anche i media italiani sembra stiano iniziando a cogliere. A metà dicembre è stato presentato l’ultimo rapporto Eco-media, che nasce con l’obiettivo di scattare una fotografia di quanto si parla di ambiente nei principali media italiani, ha individuato per la prima volta un grande cambiamento nella composizione interna alle notizie ambientali. Più nel dettaglio, tra il 1 gennaio e il 30 settembre 2019 sono stati 36.896 i servizi

realizzati nelle edizioni prime time dei Tg nazionali (Rai1, Rai2, Rai3, Rete4, Canale5, Italia1, La7), e di questi 3.773 – dunque solo il 10% circa, contro il 9% dello scorso anno – sono stati dedicati all’ambiente. Ma se dal punto di vista quantitativo c’è ancora molto da migliorare, “Eco-media” individua un’evoluzione interessante dal punto di vista qualitativo. Gli scorsi anni il focus era dedicato alla “cronaca di disastri naturali” (che nel 2018 assorbiva il 41% delle notizie) o al racconto delle “condizioni meteorologiche” (30% nel 2018), mentre

i “temi ambientali” più complessi erano relegati in minoranza (19% nel 2018). Al contrario, la composizione dei “temi ambientali” affrontati quest’anno nelle edizioni prime time dei Tg vede la preminenza delle notizie legate a iniziative per la “tutela dell’ambiente” (43%); seguono poi le notizie legate al tema dei “cambiamenti climatici” (31%), le denunce sui casi di “inquinamento” (16%) e le notizie legate alla “gestione dei rifiuti” (10%).

È un timido ma concreto segnale, dopo anni d’ignavia, che l’attenzione per l’ambiente sta cambiando in meglio nei media italiani.

 

di Luca Aterini direttore di Greenreport.it

Leggi tutti gli articoli di questo numero

I media italiani si accorgono del clima
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su google
Google+
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest