Una terra senza pace, un popolo senza giustizia

di Pamela Cioni e Anna Meli

“La storia non comincia il 7 ottobre” si legge più volte nelle interviste e nelle testimonianze di questo numero di Babel riferendosi naturalmente all’invito a indagare le origini e le motivazioni storiche – nella piena condanna e ben lungi da fornire giustificazioni – che hanno portato al massacro del 7 ottobre.

Negli articoli di Babel troverete molti dati, numerose dichiarazioni e affermazioni di esperti, di storici, di giuristi e giuriste, che raccontano come si è arrivati alla catastrofe odierna e anche come dovremmo e potremmo orientare il futuro, partendo innanzitutto dall’affermazione del diritto internazionale e dall’autodeterminazione del popolo palestinese. Anche per COSPE, del resto, la “storia” della nostra cooperazione con la Palestina e i palestinesi non è cominciata adesso, in emergenza. No, COSPE lavora nei Territori Occupati  fin dal 1995 con progetti di lungo e lunghissimo termine, guidati dalla stessa società civile locale. Viva e attiva, ma annichilita da anni di violazioni, deprivazioni, abusi.

Abbiamo lavorato con le donne e sostenendo i diritti delle donne, abbiamo lavorato sui diritti dei lavoratori e delle lavoratrici, sul sostegno all’agricoltura e all’artigianato, alle cooperative e ai piccoli produttori su diverse filiere produttive, messe a dura prova dalla occupazione e dalla colonizzazione israeliana. Non ultimo con il progetto Ibtkar a cui abbiamo dedicato l’inserto. Lo abbiamo fatto con associazioni palestinesi ma anche israeliane e miste: Sindyanna, WAC Maan, Physicians for Human Rights, B’Tselem, di cui troverete testimonianza all’interno. Abbiamo lavorato anche sull’arte e la cultura sostenendo la Theater Day Production, prima compagnia teatrale di Gaza – che continuiamo oggi a sostenere a distanza tramite la raccolta fondi –  e il suo teatro sociale che ora, nel mezzo del conflitto, continua ad aiutare le persone più fragili e vulnerabili regalando talento come supporto psicologico.

Abbiamo lavorato sempre a fianco della società civile palestinese e israeliana, che in modo determinato ma non violento chiede  l’applicazione del diritto internazionale, e insieme a un popolo intero che da decenni chiede giustizia. E siamo in prima linea oggi, nell’interlocuzione con le istituzioni italiane ed europee, come nelle piazze e sui nostri canali di comunicazione, per ribadire non solo il cessate il fuoco, ma anche che non dobbiamo perdere di vista, nell’emergenza attuale, la grande questione politica legata alla nascita e al riconoscimento di uno stato palestinese sovrano, in pace e accanto allo stato di Israele.

 

Leggi tutti gli articoli di questo numero

Una terra senza pace, un popolo senza giustizia

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Torna su