Quale futuro? Il mondo visto dalla pandemia

Fin dall’inizio della quarantena in Italia, e di quella che progressivamente è stata instaurata nei vari paesi dove lavoriamo, ci siamo mossi per riorganizzare i progetti, per capire le nuove esigenze (sanitarie certo, ma non solo) dei beneficiari e delle beneficiarie dei nostri progetti.

Ci siamo organizzati con le associazioni partner e con i cooperanti rimasti al loro posto di lavoro nonostante le incertezze dell’epidemia, per riorientare il nostro presente e il nostro futuro, che inevitabilmente ci sembrava delinearsi all’orizzonte in modo del tutto nuovo. Su tutto ci è sembrato importante allargare gli orizzonti e raccontare cosa stesse succedendo anche lontano da noi (ma poi quanto lontano?). Per questo tra le prime iniziative messe in campo c’è stata quella che abbiamo chiamato l’Antenna dei diritti: una mappatura sulle violazioni dei diritti al tempo del Covid-19. Perchè sappiamo che a fronte di un pericolo -che pure questa volta è stato globale- le conseguenze non saranno uguali per tutti e tutte.

Il rischio che le fasce più vulnerabili della popolazione, donne, giovani, migranti, rifugiati e profughi, popoli indigeni, disabili, persone Lgbtqi, o ancora le tante comunità rurali isolate e prive di tecnologia con cui lavoriamo, subissero i danni maggiori, era molto alto. Sia a causa dell’effetto diretto dell’epidemia sulla salute e sulla vita delle persone ma anche per quello indiretto delle misure restrittive assunte dai governi a tutela della salute ed inevitabilmente incidenti su diritti fondamentali quali quello al lavoro, all’educazione, alla protezione, alla libertà di associazione e manifestazione, ad un livello di vita dignitoso e molti altri.

Da subito quindi ci siamo messi a raccogliere dati e storie sulle eventuali violazioni dei diritti in tutto il mondo, ma anche a farli conoscere e laddove possibile, intervenire con richieste a istituzioni e organismi internazionali. Ogni settimana la redazione di COSPE ha dunque diffuso articoli che raccontavano attraverso le voci dei protagonisti e dati di prima mano, cosa stesse succedendo durante la pandemia e dove si dovesse tenere la guardia alta.

Questo numero li raccoglie tutti e tenta così di fare una panoramica su quanto è successo e stimolare una discussione su quanto ci aspetta.

Un grazie va a tutti i colleghi e le colleghe che hanno lavorato per far sì che questo fosse possibile, ai giornalisti e le testate che ci hanno dato spazio e sponda rilanciando con idee e iniziative, a tutti i partner, ai soci e alle socie, ai volontari e alle volontarie della nostra associazione, agli esperti che hanno partecipato ai nostri eventi online, agli artisti, ai fotografi e ai video maker che ci hanno accompagnato con le loro immagini lungo tutto questo viaggio che oggi condividiamo con voi su queste pagine.

Quale futuro? Il mondo visto dalla pandemia
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su google
Google+
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest