‘Se perde anche l’Esperance’ – 2

”Se perde anche l’Esperance” è un reportage di Alessandro Doranti che nel suo ultimo viaggio in Tunisia ha analizzato il rapporto viscerale che il paese ha con il calcio, tracciando un quadro fortemente legato anche alle vicende politiche e sociali del Paese.

A due settimane dall’omicidio di Chokri Belaid e a poche settimane dall’inizio del Social Forum che si terrà a Tunisi dal 26 al 30 marzo 2013, di cui COSPE sta seguendo i lavori, i riflettori internazionali tornano ad accendersi sulla Tunisia.

Seguite questo reportage a puntate su Babel blog e su Facebook COSPE.

Parte 2
”Se perde anche l’Esperance” 

Tunisia – Foto di Alessandro Doranti
Tunisia – Foto di Alessandro Doranti

… A far vibrare una città a tratti depressa e con scarso spirito d’iniziativa è la ripartenza della stagione di calcio.
La precedente si era conclusa con i successi nazionali e internazionali dell’Esperance Sportive de Tunis, uno dei club più titolati del continente. Fondato nel 1919 in un café di Bab Souika, Taraji, come viene soprannominato, ha conquistato il venticinquesimo titolo in campionato, quarto consecutivo, e aggiunto in bacheca la quattordicesima coppa nazionale. A rendere indimenticabile la stagione dei giallorossi è stato però il successo nella Champions League africana, vinta nella doppia finale contro il Wydad, la squadra più antica di Casablanca. L’affermazione fuori dai confini nazionali ha contribuito ad allontanare le ombre su un club considerato troppo vicino all’ex regime, visto che per anni la presidenza era toccata a Slim Chiboub. L’influente cognato di Ben Ali.

Riversati nella bolgia delle strade di Tunisi e dell’intero paese, i trionfi sono stati inframmezzati da entrambe le vittorie nei derby coi rivali storici, i bianco-rossi del Club African. Un primato cittadino vissuto nell’amarezza di non aver potuto assistere alla partita di ritorno, giocata a porte chiuse come le ultime sei giornate di campionato. Una decisione calata dal Ministero della Gioventù e dello Sport in seguito ai disordini scoppiati a Sousse nell’incontro tra l’Etoile de Sahel e i capitolini il 19 agosto 2012. Nell’occasione, il raddoppio dell’Esperance al 70’ fu accolto da un fitto lancio di fumogeni degli ultras di casa che suggerì all’arbitro la sospensione della sfida. Seguirono scontri e invasioni di campo, sedati in una nuvola di lacrimogeni.

… L’inizio del campionato 2012-2013 è fissato per il 4 novembre, ma secondo il Ministero dell’Interno la maggior parte degli stadi non sarebbe a norma… (continua)

La prima parte

‘Se perde anche l’Esperance’ – 2
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su google
Google+
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest